il Taccuino

Posts Tagged ‘senso di colpa’

Mario Antobenedetto presenta il romanzo “Un passo più in là”

In libri on dicembre 30, 2019 at 9:27 am

Il Taccuino Ufficio Stampa

Presenta

Un passo più in là di Mario Antobenedetto

Lo scrittore romano Mario Antobenedetto presenta “Un passo più in là”, una storia di resilienza e di accettazione della propria natura. Il protagonista Ivan è un uomo che ha perso tanto e che ha ormai smarrito anche sé stesso; si è rinchiuso nel suo lancinante dolore e si è isolato dal mondo, schiacciato da un grave senso di colpa che lo perseguita e che gli impedisce di reagire. Finché la brutalità e l’onestà della montagna non lo mettono di fronte alle sue responsabilità, e soprattutto alla certezza che una volta arrivati sul fondo si può sempre risalire, si può sempre ricominciare.

Titolo: Un passo più in là

Autore: Mario Antobenedetto

Genere: Narrativa contemporanea

Casa Editrice: Edizioni A.Car

Pagine: 290

Prezzo: 16,50€

Codice ISBN: 978-88-649-02-340

«Secondo Albert Einstein l’immaginazione è più importante della conoscenza; ma in quel momento Ivan realizzò che nessuna proiezione della mente avrebbe mai avuto la forza di cambiarti la vita come la consapevolezza di aver finalmente capito qualcosa […]».

Un passo più in là diMario Antobenedetto è una storia che si sviluppa e acquista significato poco per volta sotto gli occhi del lettore, attraverso flashback ben costruiti e una narrazione diretta ed emozionale. Colpisce soprattutto la particolareggiata descrizione degli ambienti in cui si svolge una parte della storia del protagonista Ivan: la selvaggia natura delle montagne innevate e dei boschi incontaminati delle Dolomiti fa infatti da perfetta cornice alla lotta interiore che infuria nella sua anima. Non solo l’ambiente ma anche e soprattutto il cuore umano è descritto con cura ed esposto in un’opera che parla di furiosi sensi di colpa e di dolorosa redenzione, di amori contrastati e del duro percorso di accettazione di sé stessi. In un incipit denso di mistero si cerca di comprendere i motivi che hanno spinto Ivan a scappare dalla propria vita e dalle proprie responsabilità per ricercare un forzato isolamento. Nel corso della trama si assiste infatti all’autopunizione che il protagonista si infligge giorno dopo giorno: non solo la solitudine ma quel gelo nel cuore lo trasformano lentamente in un uomo che non sa più sorridere, che non sa più distinguere il freddo della neve da quello che ha dentro. Un uomo bloccato tra passato e futuro, in un presente rotto come il ramo di un albero. E la storia tenta di fare da ponte per il lettore tra ciò che ha portato Ivan a chiudersi al mondo e le conseguenze di ciò che è accaduto; si scopre quindi una vicenda come in apparenza ce ne sono tante: il problema dell’incomunicabilità che spesso ammanta come una coltre di fumo la vita di coppia. Un’incomunicabilità che porta a fare errori, a volte senza possibilità di rimedio. È ciò che accade ad Ivan, è ciò che si abbatte sul destino suo e della moglie Chiara, e con meno forza su quello di tutti coloro che li amano. Un passo più in là è la storia di un uomo in fuga da sé stesso, che decide di combattere una battaglia impari contro Madre Natura sperando di acquietare il dolore che lo sta dilaniando. Ivan corre via dalla paura e dalla vergogna, non capendo che non si può scappare da ciò che si ha dentro, che il senso di colpa continuerà a rosicchiare parti di anima e che, se non si avrà il coraggio di fermarlo, presto non ci sarà più un’anima da salvare. E a questo punto il romanzo gioca una carta che spesso ignoriamo: siamo noi gli artefici del nostro destino, e solo noi abbiamo il potere di rialzarci, di non cadere nel precipizio ma, anzi, di scalarlo con tutta la forza che abbiamo. In una storia che copre un arco di circa due anni, il lettore assiste alla riconquista della pace, all’epifania di un personaggio che ritrova sé stesso, e in egli inevitabilmente si rispecchia. Perché ognuno di noi sta combattendo una battaglia nella sua anima, e l’autore riesce a farci sentire meno soli, raccontando una storia di fantasmi finalmente liberi di andare e di redenzione, sofferta sì ma necessaria. Con un inatteso colpo di scena finale, la storia si chiude come è iniziata: con leggerezza di stile ma profondità di contenuti.

TRAMA. Quanto può costare un errore? Per quanto tempo sarai in debito con la vita? E soprattutto, quali saranno le conseguenze per le persone a te care? Sono queste le domande che precipiteranno sulla testa di Ivan, pesanti come macigni, resti di una valanga da lui stesso causata. Una vita totalmente stravolta da uno sbaglio. Dal caos di Roma alla quiete delle Dolomiti, dalla moglie Chiara alla solitudine di una baita tra i boschi, dallo sportello di un ufficio postale a un rifugio di alta montagna. Nel suo esilio volontario, in un ambiente agli antipodi delle sue abitudini, Ivan cercherà il modo per redimere le sue colpe, far pace con sé stesso e accettare le proprie responsabilità; tra stimolanti avventure e nuove conoscenze, con le vette dolomitiche alle spalle e l’infinito davanti agli occhi. Quali saranno le risposte di Ivan a quelle famose domande?

L’AUTORE È DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE

Per richiedere e/o prenotare intervista

iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

BIOGRAFIA. Mario Antobenedetto nasce a Roma nel 1983. Nel 2015 pubblica il suo primo romanzo per Edizioni A.Car “Il piano Tiberio”, un thriller storico/politico ambientato tra le mura del Vaticano, con il quale vince la prima edizione del premio letterario nazionale “Ispirare la fantasia”. Il sodalizio con Edizioni A.Car continua nel 2017 con “Fiorisci nei miei inverni”, un romanzo d’amore e rabbia nella cornice della periferia capitolina, e nel 2019 con “Un passo più in là”, una storia di avventura e resilienza tra le cime dolomitiche delle Pale di San Martino. Scrive inoltre diversi racconti vincitori di prestigiosi concorsi nazionali e pubblicati in antologie, tutti leggibili gratuitamente sul suo sito. È attualmente impegnato nella stesura del suo quarto romanzo, un poliziesco tra il giallo e il thriller che ha già suscitato l’interesse di numerose case editrici.

Contatti

http://marioantobenedetto.blogspot.it/

https://it-it.facebook.com/MarioAntobenedetto/

https://www.instagram.com/mario_antobenedetto_scrittore/?hl=it

info@edizioniacar.com

Booktrailer del romanzo Un passo più in là

Link di vendita

https://www.amazon.it/passo-pi%C3%B9-l%C3%A0-Mario-Antobenedetto/dp/8864902341

IL TACCUINO UFFICIO STAMPA

Via Silvagni 29 – 401387 Bologna – Phone: +393396038451

Sito: iltaccuinoufficiostampablog.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/iltaccuino.ufficiostampa/

Mail: iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

Luca Brunoni presenta il romanzo “Silenzi”

In libri on novembre 11, 2019 at 11:01 am

Il Taccuino Ufficio Stampa

Presenta

Silenzi di Luca Brunoni

Lo scrittore svizzero Luca Brunoni presenta “Silenzi”, un romanzo crudo e realista, raccontato con la delicatezza di un autore che riesce a trattare il dolore e la miseria con lirismo, rivelando una struggente bellezza che non è visibile a chi guarda con superficialità. La storia di Ida rispecchia quella di tanti ragazzi invisibili, che in anni duri hanno conosciuto la sofferenza dell’abbandono, e che come inutili pacchi sono stati spediti in luoghi stranieri, affidati a gente sconosciuta, vittime innocenti di un mondo che non li meritava.

Titolo: Silenzi

Autore: Luca Brunoni

Genere: Narrativa contemporanea

Casa Editrice: Gabriele Capelli Editore

Pagine: 200

Prezzo: 18,00€

Codice ISBN: 978-88-97308-88-1

«Domani sarà uguale, e dopodomani pure. Però se continuo a lavorare bene avrò il mio letto, avrò da mangiare e una vita come ce l’hanno tante altre persone. Una vita che, anche se dura, non è certo una punizione. Il che significa che la punizione arriverà in un altro modo […]».

Silenzi di Luca Brunoni è un romanzo ambientato negli anni cinquanta in un villaggio svizzero di montagna, il cui tempo è scandito dalla lentezza e ripetitività dei lavori nelle fattorie, e dalle inutili e maligne chiacchiere di paese. Una storia molto dura, che racconta senza filtri di un momento storico in cui l’infanzia non era tutelata, in cui la spensieratezza era un lusso che non ci si poteva permettere. Ida Bühler è una ragazzina di tredici anni rimasta orfana di madre; il suo patrigno decide di affidarla allo Stato che la manda dagli Hauser, una povera famiglia in un villaggio lontano da ciò che lei aveva sempre chiamato casa. Ida è una ragazzina tormentata da un pesante senso di colpa, che si è raggomitolato nel suo piccolo stomaco e non la fa vivere serena. Ha voglia di piangere Ida, ma non sempre ci riesce: “Non oggi, mi dico. Non adesso. Hai da fare, da lavorare, non hai tempo per fare la bamboccetta. Piangerai stasera nel letto se proprio devi”. Si raccomanda di essere forte, di accettare la vita come la punizione che sente di meritare. E il lettore affronta con lei la sua misera e ingiusta esistenza, divisa tra un lavoro in fattoria sfiancante e le angherie subite dalla padrona di casa, Greta. Il romanzo è diviso in due parti nette: in una, intitolata “La fattoria” si partecipa da vicino alle vicende di Ida, ragazzina sfruttata, picchiata, lasciata sola con il suo dolore; nella seconda, “Il villaggio” si mostra la vita degli abitanti del borgo, ripercorrendo i tristi episodi che avevano visto Ida protagonista, e mostrando i punti di vista degli altri personaggi coinvolti, da Theodore a Noah, da Konstantin ad Anne. Personaggi che con Ida condividono l’indigenza e il grigiore dell’esistenza, che serbano nel cuore segreti inconfessabili, e che vivono in un mondo di bugie e omertà. Come il gattino spelacchiato Dumas, la ragazzina soffre la fame e il freddo, ma c’è sempre una piccola luce che brilla in lei, una timida speranza che forse la vita possa riservarle ancora uno spiraglio di felicità. “Se sei povero la vita è dura dappertutto”, dice Ida al suo amico Noah, ma è proprio la calma resilienza della giovane, è il suo aggrapparsi al poco che ha con dignità che ne fanno un personaggio unico, indimenticabile. Una protagonista eroica, seppur piccola, seppur vittima del dolore e dell’ingiustizia; un’anima innocente che rende poetica anche una storia sporca come il letame e cupa quanto i lividi che Ida deve portare sul suo bel viso. Silenzi è uno di quei romanzi che lasciano il segno, che sconvolgono con le loro verità, che emozionano nel profondo con la loro realtà.

TRAMA. Inizi Anni Cinquanta. Ida ha tredici anni quando deve trasferirsi dalla città in un piccolo villaggio di montagna. Porta con sé un segreto lacerante e l’impatto con la vita da contadina – complice la severità dei genitori affidatari – non aiuta a lenire la ferita. Intanto, nel villaggio l’atmosfera si è fatta cupa: misteri e bugie gravano sempre più sugli abitanti come le nuvole avvinghiate alle cime delle montagne. Ida intravede uno spiraglio di felicità grazie all’amicizia clandestina con Noah, un adolescente irrequieto che sogna una vita lontana da lì. Una mattina, però, la ragazza si trova nel posto sbagliato al momento sbagliato e quello che accade cambierà tutto. Lei e Noah decidono di fuggire insieme, ma una serie di eventi improvvisi e insospettabili complica i loro piani, costringendo Ida a fare i conti non soltanto con il suo segreto ma anche con quelli dell’intero villaggio.

L’AUTORE È DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE

Per richiedere e/o prenotare intervista

iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

BIOGRAFIA. Luca Brunoniè nato a Lugano nel 1982. Laureato in diritto e letteratura, lavora come professore in una scuola universitaria. Esordisce nella letteratura con “Il cielo di domani” (Fontana Edizioni, 2016). “Silenzi” (Gabriele Capelli Editore, 2019) è il suo secondo romanzo.

LA CASA EDITRICE. Gabriele Capelli Editore nasce nel 2001 e pubblica libri d’architettura, d’arte, di grafica, di fotografia, di narrativa e d’illustrazione. I libri della GCE sono distribuiti in tutte le librerie italiane e svizzere.

Contatti

www.lucabrunoni.com

www.instagram.com/lucabrunoni/

www.facebook.com/luca.brunoni.3

www.gabrielecapellieditore.com

Link di vendita

https://www.ibs.it/libri/autori/Luca Brunoni

IL TACCUINO UFFICIO STAMPA

Via Silvagni 29 – 401387 Bologna – Phone: +393396038451

Sito: iltaccuinoufficiostampablog.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/iltaccuino.ufficiostampa/

Mail: iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

Lucia C. Silver

Servizi editoriali, di traduzione e di promozione letteraria

PARLA DELLA RUSSIA

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Liberi Libri e non solo

"La verità profonda, per fare qualunque cosa, per scrivere, per dipingere, sta nella semplicità. La vita è profonda nella sua semplicità" (Charles Bukowski, Hollywood, Hollywood!)

Il blog di Chiara

Recensioni e scrittura creativa

Affascinailtuocuore

Recensioriflessioni da condividere. Il bello della lettura

Michela Pettinà

Solo recensioni positive, solo libri da leggere

Scheggia tra le pagine

Libri, recensioni, pagine e deliri. In poche parole, io e la mia passione.

Izabella Teresa Kostka Poesie

"Voi, seduti nei comodi uffici abbuffati di tasse e di grasse imposte, diventerete un giorno cibo per i vermi e nessuno s'accorgerà della vostra mancanza. Scarti dell'Universo" cit. I.T.Kostka "Trittico sul cibo" (Quadernetti poetici 2017)

La ragazza che annusava i libri

Musica, costume, lifestyle, recensioni, concerti in città

Letto fra noi blog di libri e recensioni di Francesca Magni

Musica, costume, lifestyle, recensioni, concerti in città

Monique Namie

Cultura, letteratura, cinema &...

Monika M Writer

Diario di Viaggio

lementelettriche

Just another WordPress.com site

Emma Saponaro

"Cancella spesso, se vuoi scrivere cose che siano degne d'essere lette." (Orazio)

Piume di Carta

Musica, costume, lifestyle, recensioni, concerti in città

I cinemaniaci | cinema, recensioni, film, blog

Musica, costume, lifestyle, recensioni, concerti in città

RECENSIREILMONDO

Musica, costume, lifestyle, recensioni, concerti in città

Forumlibri - Piccola biblioteca

Musica, costume, lifestyle, recensioni, concerti in città

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: