Blob Agency - Promozione & Booking

Archive for maggio 2014|Monthly archive page

L’album di debutto di Mano: “La Pulce Nell’Orecchio”

In arte, artisti, autore, comunicati, comunicati musica, dischi, emergenti, italia, musica, pop, pop-rock, promozione emergenti, streaming on maggio 28, 2014 at 9:05 am

Sarà il disco del cantautore MANO la prima uscita de La Sete Dischi, la nuova netlabel della Fame Dischi

 

E’ nata La Sete Dischi, la netlabel de La Fame Dischi che distribuisce e promuove la musica “fluida” solo in digitale. La Fame Dischi ha da sempre utilizzato il free-download per far conoscere le proprie uscite. Oltre ai dischi e agli EP distribuiti gratuitamente in rete, ha prodotto anche diverse compilation digitali sempre in free-download. Ora che si è finalmente dotata di una piattaforma online adeguata (www.lafamedischi.com), diventa possibile valorizzare queste attività con una sottoetichetta apposita, dedicata appunto alla distribuzione e promozione di lavori appositamente pensati per il formato digitale. In un tempo in cui il supporto fisico diventa sempre meno importante, La Sete Dischi si occupa delle uscite solo digitali de La Fame Dischi.

Sarà “La Pulce nell’Orecchio”, l’album d’esordio del progetto solista del cantautore roerino Marco Giorio, in arte MANO, la prima uscita della netlabel. Si tratta di 11 tracks autoprodotte, registrate e mixate dallo stesso Mano nel corso del 2013 e, successivamente, masterizzate da Andrea Brasolini al MyBossWas Studio di Torino. Diversi musicisti hanno preso parte alla realizzazione del disco. Il disco uscirà il 9 Giugno 2014 in free-download sul sito della Sete Dischi:
http://lafamedischi.com/la-sete-dischi 
www.facebook.com/lasetedischi

ASCOLTA IL SINGOLO “LA MIA VACANZA”
https://www.youtube.com/watch?v=XSyJT7eLRTc

BIOGRAFIA
MANO e’ il nome d’arte di Marco Giorio (classe 1983). Figlio di un fisarmonicista e sassofonista, ma autodidatta, comincia giovanissimo a suonare e scrivere canzoni . Nell’adolescenza fonda i Sambucus Nigra, con i quali esplora il mondo del reggae e del rocksteady, ma sempre in maniera molto personale. Successivamente, nel periodo universitario, fonda i Malaweeda, esperienza che culmina con l’esibizione al Rototom Sunsplash e con il disco “Effetti Negativi” (2007). Poi e’ il turno di Micapungo, progetto pop-rock contaminato, coi quali si esibisce un po in tutta la penisola, vincendo anche il concorso nazionale Rock Targato Italia. Dal 2011 e’ anche membro dei Los Refuse’, band di alt-folk in cui da spazio alla sua indole di polistrumentista suonando tastiere, percussioni e cantando, insieme a JacopoValsania e AlessandroPaletta, nel caratteristico trio vocale. Nel 2012 comincia l’avventura solista . Inizialmente si esibisce da solo, chitarra acustica e gran cassa e in breve tempo comincia a collaborare con Gabriele Agangi (chitarrista de LaStanzaDeiGatti), con il quale stende la maggior parte dei brani . Successivamente entrano a far parte dell’equipaggio anche Antonio Vomera (bassista dei Movion), Cristian Longhitano (già batterista di Micapungo) e Simone Cravero (percussionista, preparatore atletico). Dopo due anni intensi di live esce il primo disco “La Pulce Nell’Orecchio” ( La Sete Dischi). Questo lavoro e’ il coronamento di un periodo di esperimenti acustici e non, in cui Mano si cala nelle vesti di produttore artistico oltre che autore, curando dalle riprese al missaggio, affidandosi per il mastering alle orecchie esperte e chirurgiche di Andrea Brasolin (già trombettista nei Malaweeda, attualmente nella crew dei MartaSuiTubi).

MANO – cantautore ma non proprio
Il nome d’arte MANO deriva da un segno particolare, ovvero un angioma sulla mano sinistra che Marco si porta dietro dalla nascita . Non per nulla ANGIOMA KILLER e’ anche il nome della band che lo accompagna sul palco . MANITA invece e’ l’alter-ego rapper, la parte cattiva, cinica che compare a un certo punto nei concerti e in qualche episodio anche nel disco . La musica che ne deriva e’ percio’ la risultante del conflitto interiore che anima queste due tendenze : quella più melodica, sognatrice e idealista (MANO) e quella più ritmica, spietata e realista (MANITA) . “Cantautore ma non proprio” e’ perciò l’espressione ideale per definire questo artista poliedrico, in grado di passare da una ballade struggente e strappalacrime a un rap marcio e asmatico.

LA PULCE NELL’ORECCHIO – credits
Autoproduzione. Registrato da Marco Giorio (MANO), a cavallo tra il 2012 e il 2013, con lo studio mobile “Mica$tudio”. Mixato da Mano e Igor Giuffre’ sempre al Mica$tudio. Masterizzato da Andrea Brasolin al MyBossWas di Torino. Hanno suonato :
– MANO (voce debole, cori, chitarra acustica, chitarre elettriche, basso, programmazione elettronica, percussioni, vocal drum)
– AGANJI (chitarre elettriche autoprodotte, tappeti sonori, effettistica, cori)
– ANTONIO VOMERA (basso elettrico)
– CRISTIAN LONGHITANO (batteria, percussioni, loop)
– ANGELICA VOMERA (ultravoce)
ospiti :
– Marco Piccirillo (contrabbasso)
– Cecile Delzant (violino)
– Matteo Cancedda (percussioni)
– Pietro Valsania (voce)
– Enrico Botti (chitarra classica)
– Giuliana Labud (pianoforte)
– Bruno Valsania (mandolino, buzuki irlandese)
– Andrea Perona (chitarra elettrica)
– Andrea Pisano (CKB, looper)

testi e musiche di Marco Giorio (MANO)

LINK
https://www.facebook.com/manomanita
https://soundcloud.com/marco-giorio
https://www.youtube.com/user/MICAPUNGO

Annunci

Expedition Delta in semifinale @ EUROMUSIC CONTEST 2014

In artisti, band, comunicati, comunicati musica, metal, progressive-metal, serbia on maggio 19, 2014 at 9:43 am

ED_Pre-finalists

Gli Expedition Delta (progetto creato da Srdjan Brankovic nel 2008) sono tra i semifinalisti dell’EuroMusic Contest 2014, ovvero: la più grande Competition di musica online!

Ora che le votazioni popolari sono concluse è tempo di rendere noti i numeri che hanno contribuito a dare popolarità al Contest già di per sé imponente.
Ben 40, infatti, sono state le nazioni coinvolte nella sfida canora, combattuta a suon di video, note e voti popolari per un totale di 3248 artisti che hanno generato oltre 340.000 voti.

Le notizie diramate sulla piattaforma che ha gestito il concorso hanno avuto una risonanza ed un seguito degni di nota: oltre 2.000.000 sono infatti state le visualizzazioni degli aggiornamenti che hanno costantemente accompagnato gli artisti nella gara che si è protratta per un paio di mesi (dal 10 marzo al 10 maggio). La prima edizione del EuroMusic Contest era stata organizzata nel 2011 in 28 Paesi in collaborazione con SoundCloud, generando piu di 110 000 voti e richiamando 2200 artisti

L’edizione in corso, oltre ad essere estesa ad una più vasta area geografica (ricordiamo che sono ben 40 gli Stati coinvolti), si è arricchitadi un sistema innovativo di voto elettronico che permette agli utilizzatori di partecipare alla selezione dei musicisti e dei gruppi finali.

Sincronizzato con Facebook, l’EuroMusic Contest è la competizione musicale per eccellenza, digitale e virale, a promuovere la nuova musica europea nel mondo.

Ma non ci si è limitati al solo voto popolare. Una giuria d’eccezione, infatti, è stata chiamata per decretare i nomi dei 10 finalisti che, scelti tra i 40 semifinalisti, voleranno a Parigi per esibirsi nella Finale in diretta streaming trasmessa da iConcerts TV e VOD Channels, in 88 Paesi (per un totale di oltre 260 milioni di utenti in tutto il mondo)

Lo streaming sarà ospitato dal sito EMC in collaborazione con i partners ufficiali: Euronews (che raggiunge oltre 400 milioni di utenti in 155 Paesi), Le Nouvel Observateur (37 milioni di visite mensili), Wired (80.000 copie al mese).
Altri partners dell’iniziativa sono:
iConcerts, Zimbalam, Jamendo, Le Plus,Euronews, Wired, Believe, Black Rock Studios.

E la menzione a nomi ed operatori di tale portata è assolutamente doverosa.

Così come è doveroso accennare alla selezione operata per apportare alla Giuria autorità del settore quali: Christian Menez ed Helene Masanelli(Sony Music), Alexia Laroche Joubert (Banijay), Brian Boyd (The Irish Times), China Moses (ex-MTV, Le Grand Journal, ARTE), Nico Prat (Le Mouv’), Emeric Berco (Skyrock), Eric (MetalOrgie), Quentin Lechemia (My Band Market), Benjamin Lemaire (Virgin Radio) e molti altri che potrete trovare nel linkhttp://euromusiccontest.com/i/jury

Saranno proprio loro, i giudici, a decidere chi -tra i 40 semifinalisti- potrà rientrare nella rosa dei 10 finalisti che dovranno poi tornare ad esibirsi live a Parigi, in diretta streaming mondiale.

Sin da ora, però, a ciascuno dei rappresentanti dei 40 Stati, va tributato il giusto riconoscimento e il merito di aver raggiunto la prima posizione a livello nazionale.
Expedition Delta -lo ricordiamo- pur essendo un progetto di respiro internazionale, gareggia in rappresentanza della Serbia in quanto le radici della band sono ben salde in quel di Smederevo.

Dovremo attendere il 2015 per poter ascoltare il prossimo album della band, ma già sin da ora Srdjan Brankovic ci annuncia interessani novità ed eccezionali ospiti..
E dovremo invece attendere solo il 25 maggio per poter conoscere i nomi dei 10 eletti..

Rullo di tamburi e dita incrociate sin da ora…Ma, soprattutto ancora complimenti a tutti gli artisti che hanno meritato questa, seppure parziale, vittoria. E soprattutto, ai nostri beniamini, che -vi preannunciamo- andremo ad intervistare molto presto per conoscere in anteprima le novità del prossimo, attesissimo album.

Stay tuned! 😉

http://youtu.be/vJAK23voaiM
http://youtu.be/xRqsYkI54ac
http://youtu.be/QzFTss_4ulc

dagolou

This WordPress.com site is the bee's knees

Rock the Shop

stomping...pumping...grinding...thumping..

My Trephine

Locked Lips Also Sink Ships

La Giornalista Scalza

A great WordPress.com site

1 Song 1 Show

a singular show inspired by a solitary song

I(r)Radiati

Con una erre o due?

Daniele Salomone

Archivio online

INDIEgestione

una scorpacciata di indie

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Wunderbar - Siena

"L'uomo prima è meravigliato, poi si muove." (F. Hadjadj)

Newtopia

Free Music for Free People

« A MEGGHIU PAROLA E' CHIDDA CA ◙ SI RICI » || di Gabriele Ener.

Ciò che non siamo in grado di cambiare, dobbiamo provare a descriverlo.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

baseMultimedia

Digital Strategy & Web Marketing

Le Grandi Recensioni

recensioni semiserie di musica, cinema, letteratura eccetera

STRANGE JOURNAL

A great WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: